Direzione regionale Sardegna

Fisco e Scuola alla radio... in lingua sarda

Intervista alla dott.ssa Ibba, Capo Area Servizi dell'Ufficio di Tempio Pausania, il 6 maggio 2009 alle ore 11:30, a Radio Cuore nel corso della trasmissione "Ischire" condotta da Gianluigi Sassu.

Il file in formato .mp3 dell'intervista radiofonica. (9.29 MB)



Trascrizione del file audio Traduzione del testo in italiano
Jingle : Ischire.
Ischire unu programma de Radio Cuore fattu cun s’azzudu de su serviziu de sa limba sarda de s’assessorau de sa cultura de sa Regione Sarda.
Jingle : Sapere.
Sapere, un programma di Radio Cuore realizzato con la collaborazione del servizio della Lingua Sarda dell’assessorato alla Cultura della Regione Autonoma della Sardegna.
Gianluigi Sassu : Bene torraos de Gianluigi Sassu, una puntada custa de ischire chi faeus oe dedicada a sas tassas. Et anzi a una bella iniziativa didattica et culturale pro sas tassas. Et insaras, s’Agenzia de sas intradas ha fattu unu progettu pro imparare a sos pizzoccheddos de sas iscolas sa cultura de sa legalidade e de su pagamentu de sas tassas. Insomma a cumbattere cun sa evasione fiscale chi este una de sas piagas prus mannas de sa sotziedade italiana, chi portada ad unu doppiu problema: de unu kirru dduada zente chi non pagada sas tassas e de s’ateru kirru, propriu po custa arresone dduada troppu tassas e toccadat a innarziare cussa chi si naradat “pressione fiscale”. Et issaras toccada a cominzare a piticos e tocada a incominzare in sas iscolas a imparare sa cultura de su pagamentu de sas tassas e mancari serbindesi de sos mezzos de comunicazione chi praghente de prus a sos pizzocheddos .Et sinde faeddada de custa iniziative e dda presentada Linalba (Pasqualina Alba, ndr) Ibba de sa Agenzia de sas intradas.Gianluigi Sassu : Ben tornati da Gianluigi Sassu, una puntata quella di “Ischire” che va in onda oggi, dedicata alle tasse e anzi ad una bella iniziativa didattica e culturale per le tasse. Infatti l’Agenzia delle entrate ha realizzato un progetto per insegnare ai ragazzi delle scuole la cultura della legalità e del pagamento delle imposte, quindi a combattere l’evasione fiscale, che è una delle piaghe più grandi della società italiana e che porta al verificarsi di un doppio problema: da un lato c’è chi non paga le tasse, e dall’altro, proprio per questa ragione c’è una forte pressione fiscale. E allora occorre iniziare dalle scuole e tra i ragazzi diffondendo la cultura del pagamento delle imposte servendosi anche di quei mezzi di comunicazione che piacciono di più ai ragazzi. Di questa iniziativa ce ne parla e la presenta Linalba (Pasqualina Alba, ndr) Ibba della Agenzia delle entrate.
Linalba Ibba : Poster, fumettos cartones animaos e finzas DVD, tottu custu in s’iscola de su fiscu. A prus de lavagnas, lapis et quadernos, non podet mancara cussu chi aus zerriau su Kit de su onu contribuente (il Kit del buon contribuente). Si narada "Iimparis po sa legalidade fiscale" et este unu pacchigheddu “un pacchetto multimediale” si narat in italianu , chi s’agenzia de sas intradas ada a distribuire , a cominzare dae cabudanni in deghe mila copias a sos istudentes de sas iscolas de sas elemntares medias et medias superiores. Custa iniziativa chi, comente apo nau , ada a partire dae cabudanni si ponede s’obiettivu de imparare a sos pizzoccheddos, pigandeddos mancari a zogu, su valore e s’importanzia de unu portamentu zustu e non faularzu finzas in sa materia fiscale. Unu caminu, custu chi seus faende comente Agenzia, chi este cominzau ses annos faede, cun su progettu “fisco e scuola”. Custu progettu fattu de accordu cun su Ministeru de s’istruzione publica est istappiu penzau po isparghere, cantu prus possibile in sos giovanos s’idea de sa cultura contributiva, intendia comente unu dovere chi toccada a tottus po partecipare tottus paris a s’andamentu de s’istadu. Appo a chistionare finzas a pustis de su "kit de su contribuente", cussu chi m’importada de narrere como est, chi cun custu accordu cun su Ministeru de sa istruzione, chi este istappiu firmau in su duemila e battero, in battero annos e cioè dae su duemila e battero a su duemila e otto, medas dipendentes de s’Agenzia anta partecipau a prus de ses mila attopios e seminarios de formazione cun prus de chentubintimila istudentes.
De custu kit chi appo lumenau a su prinzipiu, nde funti istapios fattos duos tipos, chi funti diferentes tra issos , in cantu su primu est penzau po sos pizinnos de sas iscolas elementare e medias. E difatti po custos pipios , chi funti prus minores dduada unu poster, (ddu depo narrere comente si narat in italianu) unu “pieghevole" unu librigheddu a fumettos e unu cartone animau chi est fattu cun su DVD chi est de biere in sa classe… e sas maistras e nois, comente funzionarios de s’agenzia , andaus a ddu ispiegare.
Ma ite dduada in tottu custu materiale? Si ponent sos fundamentos de s’educazione civica , po faere comprendere a custos minores s’importanzia de sas regulas finzas in materia fiscale. E tottu custu poita? Po unu bonu andamentu de tottu sa soziedade. Et tando osi naro a lestru comente est fatta tottu custa cosa. Ddue funti duos personagios de imbentu chi si zerriant Pag e Tax chi tenent comente trabagliu assignau, cussu de sensibilizzare sos pizzinnos (chi non depius ismentigare anta a essere sas feminas e sos omines chi cras anta a pagare sas tassas) a mesu de tottus sa vignettas e de su DVD, chi osi appo nau prima, a supra de sa responsabilidade chi ognunu si depet carrigare, po bivere imparis in d’una soziedade giusta chi tenede e rispettada sas regulas.
Linalba Ibba : Poster, fumetti, cartoni animati e dvd. Tutto questo nella scuola del fisco, dove oltre a lavagne, matite e quaderni, non può mancare quello che è stato chiamato il ”kit del buon contribuente”. Si chiama "Insieme per la legalità fiscale” ed è un “pacchetto multimediale”, diciamo in italiano, che l'Agenzia delle Entrate distribuirà, a partire da settembre, in 10 mila copie agli alunni delle classi elementari e medie ed anche delle superiori. a partire da Settembre. Questa iniziativa, che come ho detto partirà a settembre, si pone un obiettivo che è quello di insegnare ai bambini e ragazzi, anche attraverso il gioco, il valore e l’importanza di avere un comportamento corretto e non menzognero nella materia fiscale. Un cammino questo che stiamo facendo come Agenzia che è iniziato 6 anni fa con il progetto “Fisco e scuola”. Questo progetto, realizzato in accordo con il Ministero della Pubblica istruzione, è stato pensato per diffondere quanto più possibile tra i giovani l’idea di una cultura contributiva intesa come un dovere collettivo per partecipare insieme al buon funzionamento dello stato. Parlerò più avanti del "Kit del contribuente”, quello che mi preme rimarcare ora, è che grazie all’accordo con il ministero della Pubblica Istruzione, sottoscritto nel 2004, in 4 anni - e cioè dal 2004 al 2008, molti funzionari dell'Agenzia hanno partecipato a oltre sei mila incontri e seminari di formazione con piu' di 120 mila studenti coinvolti. Del kit, di cui ho parlato all’inizio, ne sono stati realizzati due tipi, che si differenziano tra loro in quanto il primo è pensato per i bambini delle scuole elementari e medie , e infatti per questi ragazzi che sono più piccoli, vi sono un poster, un pieghevole, un opuscolo a fumetti e un cartone animato in dvd da vedere e commentare in classe con gli insegnanti e i funzionari della agenzia. Ma quale sono i contenuti di tutto questo materiale??
Si pongono, per così dire, i fondamenti dell'educazione civica per far comprendere ai bambini l'importanza del rispetto delle regole, anche in materia fiscale. E tutto questo perchè? Per il buon funzionamento della società nel suo complesso.
E allora in breve vi dico come si svolge il tutto.
Intanto vi sono due personaggi di fantasia che si chiamano Pag e Tax. Questi due personaggi cercano di sensibilizzare i bambini (che non dimentichiamo saranno le donne e gli uomini che domani pagheranno le tasse) e quindi , dicevo,cercano di sensibilizzarli,attraverso le vignette e il dvd di cui vi ho parlato prima, al senso di responsabilità che ognuno deve sentire e addossarsi per vivere tutti insieme in una società giusta che si crea delle regole e le fa rispettare.
G.S. : Sa diffusione de sa cultura de sa legalidade e de su pagamentu de sas tassas naturalmente cheret narrere finzas a narare chi si depet evitare de bintrare in cussa figura soziale chi sinarat “evasore”. Evasore purtroppo, comente eus nau prima puru, este una piaga de sa soziedade italiana e toccada insaras a faere de manera chi una generazione noa crescada chi non siada cun cussa cultura de sa evasione.
Ancora Linalba Ibba.
G.S. : La diffusione della cultura della legalità e del pagamento delle tasse, naturalmente vuol dire anche che bisogna evitare di rientrare in quella figura sociale che si chiama “evasore fiscale”. L’evasione, purtroppo, come abbiamo già detto, è una piaga della società italiana e allora bisogna far in modo che le nuove generazioni crescano con una cultura che non sia dell’evasione.
Ancora Linalba Ibba:
L.I. : A prus de custu imparu, ddu este, podius narrere, zai una iscomuniga po chie non pagat sas tassas, difatti unu sorighe marfusu et unu coluru cun trassas de mazzone, chi usanta de badas sas cosas de tottus, comente sas iscolas sos ispidales ecc., si ponent in busciaca su inare cun su cale depliant pagara sas tassas.
Custu, naturalmente este istapiu fattu po sos pipios pru pitios, però custu cuncettu de faere sa gherra a chie non pagat sa tassas torrida finzas in s’steru kit chi este penzau po sos pizzoccheddos prus mannos de sas iscolas superiores. Innoghe, custa cosa, si narat e si tarrada a narrere, sempre partinde dae sa gherra a chie non pagat, et, però zai ca funti prus mannos, in custu casu si chistionada de su sistema tributariu italianu chi tenet sas raighinas in sa costituzione italiana. Bi funti in custu casu, duos attores beros e non personaggios de imbentu chi ispieganta ca a faere sos mazzones, sos furbos, no andat bene ca este prezisu tennere unu cumportamentu de “Omine” e duncas zustu e onestu. Tottu custu chi o s’appo contau como ddu podisi agattare in su giassu de s’Agenzia de sas intradas: http://www1.agenziaentrate.it/entrateinclasse/
L.I. : Oltre a questi insegnamenti è evidenziata una forte disapprovazione nei confronti di chi non paga le tasse.
Infatti un topo subdolo e un serpente astuto come una volpe Utilizzano gratis le cose di tutti, come gli ospedali, le scuole ecc.e inoltre si mettono in tasca i denari destinati al pagamento delle imposte. Questo naturalmente è rivolto ai bambini più piccoli, però il concetto di fare la guerra agli evasori viene ripreso anche nel kit realizzato per i ragazzi più grandi delle scuole superiori. Questi concetti vengono detti e ridetti, ribadendo sempre la necessità di fare una lotta a chi non paga. E visto che in questo caso sono ragazzi più grandi, si parte parlando del sistema tributario che trova le sue radici nella costituzione italiana. Due attori veri e non personaggi di fantasia, spiegano in questo caso che fare i furbi non va bene e che è invece doveroso , avere comportamenti da “ uomo” e dunque comportamenti giusti e onesti.
Tutti i prodotti inclusi nei due kit sono disponibili nella sezione "Entrate…in classe" nel sito Internet dell'Agenzia delle entrate http://www1.agenziaentrate.it/entrateinclasse/
G.S. : Ringraziaus insaras Linalba Ibba de s’agenzia de sas intradas chi s’adat ispiegau custa iniziativa chi faere custa branca de sus Istadu chi s’occupada de tassas pro diffondere sa cultura de sa legalidade e de sa giustizia fiscale e de su pagare sas tassas. Et insaras con custu fineus sa puntada de oe de Ischire e cumente sempre prima de salutare ramentaus s’orariu de su programma chi este a is undici e mesu de su manzanu e poi, a su seru, a sas tres e mesu, kimbe e mesu e sette e mesu. Et insaras de Gianluigi Sassu, unu saludu a tottus.G.S. : Ringraziamo allora Linalba Ibba dell’Agenzia delle Entrate che ci ha spiegato questa iniziativa posta in essere da una branca dello Stato che si occupa di tasse, per diffondere la cultura della legalità e della giustizia fiscale e del pagare le tasse. Con questo finiamo la puntata odierna di “Sapere” e come sempre, prima di salutare, ricordiamo l'orario del programma che va in onda alle 11.30 e in replica alle 3.30, 5.30 e 7.30. E allora da Gianluigi Sassu, un saluto a tutti.
Jingle : Ischire unu programma de Radio Cuore fattu cun s’azzudu de su serviziu de sa limba sarda de s’assessorau de sa cultura de sa Regione Sarda.Jingle : Sapere, un programma di Radio Cuore realizzato con la collaborazione del servizio della Lingua Sarda dell’assessorato alla Cultura della Regione Autonoma della Sardegna.