Direzione regionale Sardegna

Precompilata 2016, la Sardegna sceglie il 730 "fai da te"

COMUNICATO STAMPA

Fisco telematico: l’isola si conferma sopra la media nazionale

Sono 53.438 i sardi che hanno trasmesso da soli il modello 730 precompilato, tramite il servizio web disponibile sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate. Un numero che vale l’11,5% dei contribuenti potenzialmente interessati all’utilizzo della procedura, ben oltre la media nazionale del 9,7%. Circa un terzo dei clic definitivi di invio è stato effettuato nelle ultime tre settimane utili prima della scadenza del 22 luglio, confermando la Sardegna al settimo posto in Italia tra le Regioni dove meglio è stata accolta l’innovazione tecnologica introdotta un anno fa per presentare la dichiarazione dei redditi.

Un modello per tutte le età

Tra i cittadini residenti in Sardegna che hanno dimostrato maggiore familiarità con il 730 precompilato, quasi un quarto ha tra i 40 e i 50 anni (12.414 contribuenti); segue la fascia di età immediatamente successiva, tra 51 e 60 anni (11.115), ma hanno dimostrato dimestichezza col sistema online anche i sessantenni e i trentenni (rispettivamente 9.564 e 8.430 clic definitivi). Spicca la platea degli “over 80”: in 3.280 hanno fatto da soli. Un dato che, sommato ai 5.725 modelli 730 precompilati inviati in autonomia dai settantenni, raggiunge quota 9.005, pari a un significativo 17% di sardi over 70 che hanno utilizzato i servizi telematici per inviare la dichiarazione dei redditi. Meno bene, paradossalmente, gli under 30 (appena 2.910), ma sul dato gravano il tasso di disoccupazione giovanile e le nuove tipologie contrattuali che estromettono chi appartiene a questa fascia d’età dalla platea dei potenziali fruitori dell’innovazione tecnologica.

La geografia di un successo

Il 56% dei 730 trasmessi dalla Sardegna in modalità “self” proviene dalla provincia di Cagliari (includendo i residenti delle ex province di Carbonia-Iglesias e Medio Campidano), mentre dalla provincia di Sassari (Olbia-Tempio compresa) ne sono partiti il 27%. Chiudono questa particolare classifica di dichiarazioni inviate dalla Sardegna senza passare da Caf o altri intermediari le province di Oristano, con l’8% del totale regionale, di Nuoro (7%) e dell’Ogliastra (2%).

Analizzando il rapporto tra i 730 complessivamente messi a disposizione dall’Agenzia sul proprio sito e quelle trasmesse via web in autonomia grazie alla nuova opportunità introdotta dall’Agenzia, spicca il risultato della provincia di Cagliari, con il 14,6% di contribuenti che hanno scelto questa modalità di comunicazione diretta con l’amministrazione finanziaria. Questo risultato pone quella del capoluogo sardo al settimo posto in Italia tra le province che più hanno apprezzato la modalità “fai da te”, dietro solo a Monza-Brianza (16,8%), Lecco (16,6%), Trieste (16%), Como (15,5%), Varese (14,9) e Gorizia (14,7). Degno di nota, comunque, il risultato degli altri distretti amministrativi della Sardegna, con il 12,3% del Medio Campidano (20ma su 110 province di tutta Italia), il 10,4% di Olbia Tempio, il 10,1 di Carbonia-Iglesias e il 10% di Sassari. Chiudono, poco al di sotto della media nazionale (9,7%), le province di Oristano (9,5%), Nuoro (9%) e Ogliastra (7,1%).

Cagliari, 29 luglio 2016

File pdfIl comunicato in versione stampabile (458.34 KB)

Distribuzione per età anagrafica del contribuente



Provincia

Mod.730 Acquisiti al 25/7/2016

% sul totale
contribuenti
interessati
%
provincia
CA23.60214,644,2
CI3.51910,16,6
VS3.01212,35,6
NU3.6389,06,8
OG1.0777,12,0
OR4.4179,58,3
SS10.05510,018,8
OT4.11810,47,7
SARDEGNA53.43811,5100,0

File pdfL'Unione Sarda 31 luglio 2016 (378.50 KB)

Linkoristano.it 31 luglio 2016