Direzione regionale Sardegna

Voluntary disclosure: 417 sardi dichiarano 192 milioni di euro detenuti all’estero

COMUNICATO STAMPA

Nell’isola gettito stimato a quota 11 milioni

Bilancio positivo in Sardegna per la voluntary disclosure: i contribuenti isolani che hanno presentato la domanda di regolarizzazione sono stati 417, denunciando attività estere per complessivi 192 milioni di euro, di cui 51 già rientrati in Italia.

I numeri in regione

La procedura di collaborazione volontaria per l’emersione dei capitali si è chiusa alla mezzanotte del 30 novembre: grazie al contributo della Sardegna, l’Erario incasserà oltre 11 milioni e mezzo di euro, un gettito stimato al netto degli interessi e applicando aliquote medie. L’ammontare effettivo degli introiti sarà determinato dall’attività di accertamento sulle istanze presentate svolta dall’Agenzia delle Entrate. Nella maggior parte dei casi, i contribuenti sardi che si sono autodenunciati hanno chiesto il rimpatrio di attività finanziarie e patrimoniali detenute oltre confine.

I dati nazionali

Nata un anno fa con la legge n. 186/2014, complessivamente l’operazione porterà nelle casse dello Stato circa 3,8 miliardi. Le domande di rimpatrio sono state 129.565, per un totale di oltre 59 miliardi di euro di attività svelate al Fisco. Il paese da cui proviene la maggior parte dei capitali è la Svizzera (69,6%), seguita a distanza da Principato Di Monaco (7,7%), Bahamas (3,7%), Singapore (2,3%), Lussemburgo (2,2%) e San Marino (1,9%).

Nuovo dialogo Fisco-contribuenti

A differenza di quanto previsto dalle misure di emersione adottate nel passato, l’adesione alla voluntary disclosure comporta il versamento integrale delle imposte e degli interessi, con la riduzione delle sole sanzioni. Inoltre, il contribuente di fatto autodenuncia la propria posizione fiscale, che viene valutata nel suo complesso dall’Amministrazione finanziaria. Una strategia di contrasto all’evasione completamente rinnovata: da una parte il cittadino rivela volontariamente dati e informazioni sui beni nascosti all’estero, dall’altro l’Agenzia si impegna a curare tutte le istanze in contraddittorio con il contribuente.

Cagliari, 14 dicembre 2015

File pdfIl comunicato in versione stampabile (28.32 KB)

File pdfL'Unione Sarda 15 dicembre 2015 (986.19 KB)