Direzione regionale Sardegna

Riforma del Catasto al debutto nell'isola. Al via l’iter per la formazione delle Commissioni censuarie

COMUNICATO STAMPA

Il nuovo Catasto inizia a muovere i primi passi anche in Sardegna. Con la nota inviata dal Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Rotondo, ai prefetti, ai presidenti dei tribunali, all’Anci e agli uffici provinciali-Territorio dell’Agenzia, è partito ufficialmente il processo che porterà alla costituzione delle Commissioni censuarie locali di Cagliari, Nuoro, Oristano e Sassari.

La scelta dei componenti

Gli enti contattati dall’Agenzia hanno a disposizione sessanta giorni per definire una rosa di candidati da comunicare al presidente del Tribunale civile e penale, il quale a sua volta avrà trenta giorni di tempo per scegliere i presidenti e i componenti effettivi e supplenti delle Commissioni. Successivamente, sarà il Direttore regionale a chiudere il cerchio emanando un decreto di nomina ad hoc.

Il ruolo delle Commissioni

Il primo decreto attuativo della riforma del Catasto, il Dlgs n. 198/2014, ha tracciato il nuovo volto delle Commissioni censuarie, ridefinendone la composizione, le funzioni e i compiti. In particolare, questi organismi sono chiamati a coadiuvare l’Amministrazione finanziaria nell’approvazione di specifiche metodologie di calcolo e giocano quindi un ruolo cruciale nella revisione del sistema estimativo catastale. Le Commissioni, guidate da un presidente, sono articolate in tre sezioni specialistiche, ognuna delle quali è composta da sei membri effettivi e sei supplenti.

Le indicazioni dell’Agenzia

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 3/E del 18 febbraio 2015, disponibile su Internet all’indirizzo www.agenziaentrate.gov.it .

Cagliari, 19 giugno 2015

File pdfIl comunicato in versione stampabile (66.56 KB)

Sardegna Industriale 22 giugno 2015 - File pdfLa versione stampabile (61.08 KB)